POLITICHE SCOLASTICHE

Esiguo numero di iscritti; cancellata la prima media nel comune di Vacri

Si sono sentite abbandonate le 13 famiglie dopo la decisione dell'Ufficio Scolastico provinciale di cancellare, per l'anno 2017/2018, la prima classe della scuola media secondaria

Si sta battendo con tutte le forze il sindaco Piergiuseppe Mammarella per cercare una soluzione e sta organizzando diverse riunioni insieme ai genitori dei 13 bambini già iscritti alla prima media, affinchè la decisione presa dell'Ufficio Scolastico provinciale venga rivista. Effettivamente il Ministero ha stabilito che per la formazione di una classe devono essere iscritti almeno 18 allievi. Il sindaco però ribadisce che nel piccolo comune da sempre si sono formate classi con numero ridotto di alunni, in più sottolinea che questa decisione crearà non pochi disagi alle famiglie coinvolte, poichè le classi nei comuni limitrofi a quanto pare sono già al completo e i mezzi di comunicazione per raggiungere scuole più lontane sono praticamente inesistenti. Il primo cittadino ha anche ricordato che l'amministrazione ha speso circa un milione di euro per rendere il plesso scolastico antisismico infatti la scuola allo stato attuale "garantisce un coefficiente di sicurezza 0,8", alla luce dei fatti quindi sta valutando eventuali dimissioni, dato che come da lui stesso riferito non riesce a spiegare l'ostilità che le istituzione stanno mostrando nei confronti dei piccoli comuni. Si terrà domani pomeriggio un consiglio di amministrazione straordinario per chiedere ancora una deroga.

di ALESSIA CARDARELLI

Categoria: