POLITICHE PER LA SCUOLA

Nuovo regolamento per le mense scolastiche di Chieti

Stamattina con una conferenza stampa il sindaco Umberto Di Primio ha presentato il nuovo regolamento per la refezione scolastica 2017/2018

Alla conferenza hanno preso parte anche il vice sindaco e assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Giampietro, il consigliere del Partito Democratico Alessandro Marzoli, il capogruppo di Forza Italia Marco Di Paolo, i Presidenti delle commissione Regolamento e Salute Maurizio Costa e Stefania Donatelli, che hanno duramente lavorato in questa torbida estate per cercare di ridare una struttura atta a risolvere vecchi problemi che in passato avevano generato proteste da parte dei genitori. Sindaco e Vice Sindaco spiegano: “Per il servizio di refezione scolastica il Comune di Chieti assicura circa duemila pasti al giorno, spendendo circa un milione di euro l’anno. Il costo di ogni singolo pasto è di 4,37 euro, che però viene pagato, per intero, solo dalle famiglie che rientrano nella fascia più alta di reddito, che va dai venticinquemila euro in su.Le famiglie più in difficoltà (con reddito Isee fino a 2.309 euro), non pagheranno nulla. La fascia superiore (fino a 5038 euro) paga 1,70 euro a pasto. Ci sono in tutto 8 fasce. La più alta (reddito superiore a venticinquemila euro) paga 4,37 euro a pasto”. La normativa prevede una più diretta partecipazione dei genitori con la costituzione di una Commissione per il controllo mensa alla quale prenderanno parte 4 genitori, in più ci saranno delle sub-commissioni per ogni scuola che consentiranno ai genitori scelti come rappresentanti di entrare nelle mense ed assaggiare i pasti per poi compilare un rapporto dettagliato per successivi miglioramenti. Il sindaco si augura inoltre che attraverso il nuovo regolamento si possa frenare anche il fenomeno di evasione.

Categoria: