LOS ANGELES 2017

E' abruzzese uno dei migliori oli al mondo e conquista tre Ori in America

Gli oli agrumati di Francesco Ricci sbancano l'America

E' abruzzese uno dei migliori oli del mondo è si è imposto con tre medaglie d'oro all'Agrumato al Limone, della famiglia Ricci di Lanciano, al Los Angeles 2017 – International Extra Virgin Olive Oil Competition.
Lo straordinario successo dell'Agrumato della famiglia Ricci, di Lanciano al concorso internazionale sugli oli extra vergine di oliva, giunto alla 18esima edizione, reca con sé le essenze e le caparbie tinte mediterranee della terra d'Abruzzo. Si tratta della massima competizione negli Stati Uniti e la quinta a livello internazionale e riunisce i migliori oli del mondo per celebrarne i più elevati standard di integrità, qualità e professionalità. Quest'anno hanno partecipato centinaia di produttori da Argentina, Australia, Cile, Cina, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Giappone, Marocco, Portogallo, Sud Africa, Tunisia, Turchia, Uruguay e Usa. E, in questo caleidoscopio di sapori, l'AGRUMATO al Limone dell'azienda frentana ha conquistato tre medaglie d'oro: “Best of Show Flavored”, “Best of Class Awards”, “Gold Medal Flavored”. “Miglior prodotto della manifestazione”, dunque, “Miglior condimento italiano” e “Miglior olio di categoria”. Mentre l’AGRUMATO al Mandarino si è accaparrato l'argento. “Si tratta – ha detto il titolare Francesco Ricci - di uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello mondiale. Le produzioni olivicole d'eccellenza vengono valutate con un Panel Test cieco da un pool di giudici severissimi e la nostra meravigliosa regione che va più tutelata quindi dalle politiche ambientali scellerate che minacciano colture e territori di pregio, in grado di produrre eccellenze alimentari apprezzate e ricercate ovunque”.
L’AGRUMAT” e la storia della famiglia Ricci si fondono in un legame indissolubile. Un’innovazione che in oltre 25 anni ha generato un vero e proprio trend nell’ambito dei prodotti oleari come Condimento unico, perché ottenuto dalla contemporanea molitura di olive ed agrumi interi freschi; Nasce dall'incontro fra le olive della varietà Gentile delle colline abruzzesi ed i limoni della Costa dei Trabocchi. Il sistema di produzione prevede che i due frutti vengano macinati insieme. Le parti liquide ottenute dopo la fase di spremitura a freddo (acqua, olio e succo dell’agrume prescelto), vengono poi centrifugate, separando l’acqua ed i succhi dall’olio, che si modifica quindi solo nella frazione aromatica, trattenendo il profumo dell’agrume utilizzato. I tempi di lavorazione sono elaborati e lenti, e con rese di olio notevolmente inferiori al normale (circa il 30% in meno), quindi è un olio prezioso.
Un prodotto inimitabile, “frutto di creatività, passione e verve imprenditoriale. E' nel 1989 che la famiglia Ricci intuisce la straordinaria potenzialità di questa antichissima ricetta della tradizione olearia abruzzese che rinnova e fa propria, con ricerche e protocolli di lavorazione peculiari. Dapprima produce e diffonde l’Olio al Limone per generare poi un'intera gamma di Extra Vergine di Oliva ed Agrumi, in tutte le varianti, che decide di denominare AGRUMATO® , creando un neologismo. “Non i comuni oli aromatizzati – spiega Ricci -, non una semplice vinaigrette, ma un fluido scrigno di fragranza e freschezza, di dolcezza e acredine, di morbidezza e rotondità di sentori”. Condimenti armoniosi dai profumi intensi, da gustare a crudo, in cottura o nelle preparazioni dolciarie e da forno, ed incredibilmente perfetti anche nei cocktail più famosi e di tendenza. “Il colore dei nostri agrumati, velati da minutissime particelle di polpa di olive, ci ricordano quelli solari dei frutti con le varie tonalità di verdi intensi, sfumati di giallo o di arancio. I loro sapori ci regalano un tripudio di sensazioni ispirando accostamenti nuovi con cibi tradizionali o con pietanze sia semplici che elaborate diventando punto d'incontro delle cucine internazionali”. E così l’olio al limone da prodotto “povero” è stato trasformato in un prodotto gourmet. I Ricci però, non si sono fermati all’olio al limone, ma guidati dalla loro fantasia e dal desiderio di innovare hanno utilizzato anche altre tipologie di agrumi per realizzare una linea completa di condimenti AGRUMATI, come l’AGRUMATO al Cedro, l’AGRUMATO all'Arancia Bionda Dolce, l’AGRUMATO al Mandarino e l’AGRUMATO all’Arancia Rossa Sanguinello nonché creando una particolare variante dell’AGRUMATO al Limone (denominato AGRUMATO al Limone ed Erbe ) nel quale vengono lasciate in infusione l’origano e l’aglio dando vita così ad una sorta di “salmoriglio in bottiglia” a cui una volta aperto si può aggiungere del prezzemolo tritato fresco, con cui condire ad esempio una fetta di pesce spada alla brace. Essi sono anche un prodotto “pronto”, dall'utilizzo semplice ed efficace nel valorizzare i cibi di tutti i giorni. Sia a crudo che in cottura e consentono raffinate e fantasiose preparazioni. Dall'olio è nato anche il Pan'Agrumato, una particolare rivisitazione del dolce natalizio italiano per eccellenza che da 7 anni raggiunge i mercati di tutto il mondo. Per la sua realizzazione viene utilizzato solo AGRUMATO al posto del burro per un prodotto a bassissimo contenuto di grassi, di colesterolo, privo di lattosio e appunto di calorie, pur mantenendo inalterati la morbidezza e la fragranza, con una maggiore digeribilità. Le produzioni della famiglia Ricci sono conosciute soprattutto all’estero dove dal 1992 viene venduto più del 90% degli oli in 19 Paesi. “All'epoca – riprende Francesco Ricci - da autentici pionieri abbiamo fatto la scelta dell’internazionalizzazione”. Una strategia che ha consentito subito all'azienda abruzzese di arrivare ad essere fornitori della White House (Casa Bianca) per tutto il periodo della presidenza Clinton. “Nel secondo pranzo di insediamento, le nostre bottiglie di AGRUMATO al Limone erano sul tavolo dei potenti della terra. Un “endorsment” che ci ha permesso di arrivare davvero nei migliori negozi e di fornire i ristoranti dei migliori chef del mondo. Tutto ovviamente grazie alle particolarità delle nostre produzioni e alla qualità senza compromessi”.

di ARNOLFO PAOLUCCI